About potepinko

OB SLOVENSKI MEJI OKROG SLOVENJE

Že nekaj let smo imeli v načrtu kolesariti ob slovenski meji. Lani nam je kolesarske načrte od Pariza do Carcassonna preprečila corona, zato smo kot nadomestno za načrtovano XIV. avanturo cel teden kolesarili po Prekmurju (reportaža še ni dokončana). Letos nismo želeli izzivati usode in tako na XV. avanturi nismo zapuščali slovenskega ozemlja.

Kot običajno sem s pomočjo programa Bikemap pripravil poti (sledi) za vsak da posebej, za nekatere dneve tudi več različic, tako bi lahko kolesarili krajše odseke tudi po Italiji, Hraški, Madžarski in Avstriji, pri tem pa upošteval tudi pripombe letošnjih udeležencev. Dejanske poti se sicer tu in tam tudi razlikujejo, saj smo jih morali prilagoditi razmeram na cesti (prevoznost kolovozov, promet, cestne zapore) ali pa smo se le hoteli peljati mimo kakšne zanimivosti, vendar so zaključki poti ostali nespremenjeni, saj sem moral za vsak dan že v naprej rezervirati hotele. Pri iskanju hotelov me je presenetilo, kako malo izbire(za šestnajst oseb) je v manj turističnih krajih.

Na startu pri Marijanu v Miljah (foto Marina, ki seveda manjka na sliki)

Continue reading


Lani nam je zaradi korone kolesarska tura po Franciji odpadla zato smo uspeli kolesariti smo le slab teden po Prekmurju. Sicer se stanje po Italiji izboljšuje in bi se lahko zapodili tudi po Apeninih, a bomo vseeno bolj ziheraški in kolesarili le po domovini. Krog bomo v obratni smeri urinega kazalca začeli v Kranju (se pa bodo posamezne etape še malo spreminjale, ker so ob poti precej slabe možnosti za spanje), se preko Vršiča zapodili v dolino Soče do Nove Gorice, od tam pa po Krasu do Sežane in naprej do Ilirske Bistrice, kjer se začenja malo boj razgibana trasa – Sviščaki – Babno Bolje – Prezid – dolina Kolpe. Bolj ali manj kolesarimo ob Kolpi vse do Metlike. Pri Dobovi se “priključimo” na Sotlo in ob njej kolesarimo do Rogatca, kjer nam reka uide nekoliko preveč v desno. Neglede na epidemiološke napovedi je priporočljivo, da smo večinoma cepljeni, v povprečju smo stari dovolj, da do konca avgusta vsi pridemo na vrsto. Nekaj odsekov bi kolesarili po Italiji, Hrvaški, Madžarski (tu bi enkrat tudi prespali, ker so na slovenski strani najbližje poti hoteli v Moravskih toplicah) in Avstriji, imajo pa vsi taki skoku čez mejo alternativne poti smo po Sloveniji.


 petdnevno pohodniško, enološko in kulinarično odkrivanje osrednje Umbrije (sto kilometrov)

SPULICO – GENOVA (BOLOGNA)

Koronavirus (na povezavi je statistka okužb za celo Italijo in za posamezno deželo, s klikom na deželo pa, kaj je trenutno dovoljeno) nam tudi letos še najeda potovalne načrte, vendar optimistično upamo, da se bo še pred poletjem pokazalo kakšno zeleno ali rumeno okno in takrat skočimo vanj z vsemi pljuči. Med številnimi načrti smo daljše (kolesarske) trase le grobo začrtali (npr. po vii Postumia od Vrhnike do La Spezie (oziroma Cinque Terre) ali po sredini Apeninskega polotoka od Tarantskega zaliva na skrajnem jugu Italije do Genove ali Bologne) – do septembra je sicer še kar nekaj časa, krajši, predvsem pohodniški, pa so bolj realni. Na zeleno okno računamo predvsem v zelenem srcu Italije, to je Umbrija, v edini italijanski deželi na Apeninskem polotoku brez morja. Zarisali smo kakšnih dvajset enodnevnih smeri, jih pet izbrali in jih povezali v petdnevno turo. Za “trening” bova s Tomom prehodila (105 km, 5 dni) še malo spremenjeno Jakobovo pot od Ljubljane do Trsta (obe varianti).

Italijanske dežele

Za izhodišče pohodniških izletov smo v italijanski deželi Umbriji izbrali prijetno starinsko mesto Bevagna, ki ima z vsemi okoliškimi vasmi ki sodijo v to občino, le okoli 5.000 prebivalcev. Od Vrhnike je oddaljeno približno 690 km, pot pa nas do Benetk vodi po avtocesti (A4 od Gorice, cestnina), do Ravene po običajni cesti (E55, via Romea), od tam do Foligna po hitri cesti (do Perugie E45, nato SS75), do prenočišča v Bevagni pa po nekaj malo ožji medkrajevni cesti.

Načrtujemo, da bomo po Bevagni in njeni širši okolici pešačili v majhnih skupinah (do 6) mesecu juniju (prva skupina od srede do nedelje je popolnjena, druga skupina pa takoj za prvo od nedelje do četrtka oziroma pred prvo od sobote do srede, če bo seveda zanimanje), če pa zadenemo še datum med 17. in 27. junijem, bomo v središču srednjeveškega dogajanja, Tržnice mestnih četrti (Il mercato delle gaite).

Continue reading


Sinja Gorica (558 abitanti, 2,28 km2, 289 m sul livello del mare) è una comunità locale e luogo nel comune di Vrhnika, che è funzionalmente diviso in Sinja Gorica e Sap. L’insediamento nella zona inizia dall’età del ferro antico in cima alla collina, a ovest della chiesa di S. Giobbe costruisce una fortezza collinare, come dimostrano la formazione del terreno e piccoli reperti preistorici di metallo. Dall’alto c’era una vista aperta sia del forte Taurisci su Tičnica che del forte vicino a Bevke, che era molto importante per il controllo del percorso attraverso le paludi anche prima dell’arrivo dei romani.

Il vecchio nucleo del villaggio si forma sotto la chiesa. È menzionato come Sweinpuhel (nella traduzione Svinja Gorica) nel 1414, nel 1474 come Singa Goriza, sulla mappa militare (1763–1787) è iscritto come Suina Goritza, nel catasto francescano Lepa Gorica è registrato, più tardi nel XIX. tavolo. tuttavia, è indicato come Schweinbuchl. In tedesco, tutti i nomi si riferiscono a maiali al pascolo nella zona. Altri credono che l’insediamento prende il nome da sviba, un tipo di drena, cioè Gorica, dove cresce sviba – Svibnja Gorica, ma la lettera b si perde quando pronunciata, motivo per cui anche le traduzioni tedesche sono errate. Tra le principali attrazioni di KS Sinja Gorica c’è la chiesa di S. Giobbe, menzionata per la prima volta nel 1526. È l’unica chiesa in Slovenia dedicata a S. Giobbe, protettore degli apicoltori. Giobbe è una persona biblica ed è sinonimo di persone che subiscono ingiustizie. Afferma che Dio vuole solo il meglio per i suoi esseri, ma l’adempimento della volontà di Dio può essere molto doloroso.

Interessante:

Nelle vicinanze dell’insediamento ci sono importanti zone umide e habitat di piante legalmente protette (es. Logaritmo palustre), quindi la maggior parte della comunità locale è inclusa nell’area ambientale sotto la protezione di Natura 2000,


Nel X millennio A.C., l’area dell’attuale Palude di Lubiana era ricoperta da un lago e dal V millennio A.C. è stata abitata da persone che costruiscono palafitte sul lago. Per il trasporto sul lago o per andare a riva, sanno già fare una semplice barca da un unico tronco. Per questo lavoro che richiede tempo, usano strumenti per lo più fatti di pietra o corno, e anche l’interno viene scavato dalla combustione. Nell’età del rame e del bronzo, usano già semplici assi. Finora a Barje sono stati scoperti più di sessanta barche dall’unico tronco, la maggior parte dei quali più giovane, il che significa che la barca dall’unico tronco è stata utilizzata come mezzo di trasporto fino al Medioevo. Finora, quattro barche del periodo dei palafitte sono stati confermati con il metodo dendrocronologico.

Se ci sono molte barche dall’unico tronco nel mondo prealpino, dobbiamo certamente essere orgogliosi a la più antica (5.200 anni) ruota di legno con asse scoperta al mondo, scavata nel 2002 a Stari gmajne vicino a Verd. La ruota e l’asse fanno parte del carro (cize), realizzato e utilizzato nella fase giovanile dell’insediamento del tumulo. La ruota del diametro di 71,2 cm è realizzata come un disco pieno con un mozzo rettangolare costituito da due assi di legno di frassino di un albero più vecchio di 80 anni e collegate in larghezza con quattro listelli di colmo. Fa parte di un carro o cis, adatto al paesaggio collinare, che comprende l’entroterra delle allora paludi lacustri di Lubiana. Gli abitanti dei mucchi lo usano per trasportare selvaggina catturata o per trasportare i raccolti dei campi fino al bordo del lago. Stanno già usando bestiame da tiro per il trasporto del carro


La comunità locale di Drenov Grič – Lesno Brdo (6,50 km2, 1.300 abitanti, 291 m sul livello del mare) si estende sul bordo occidentale delle Paludi di Lubiana ed è composta dagli insediamenti di Drenov Grič (750 abitanti) e Lesno Brdo (550 abitanti).

Il villaggio di Drenov Grič iniziò a formarsi dopo la costruzione della seconda strada imperiale nel 1806. Così, all’inizio del XIX secolo, non ci sono quasi case lungo Tržaška cesta da Sinja Gorica a Log. Dove oggi c’è una deviazione per Horjul, c’è una casa-locanda con una stalla, chiamata Pri Stari šrangi. C’è una locanda nella parte orientale e una stalla per il bestiame nella parte occidentale. A quel tempo, contadini lontani e vicini caricavano molto da Lubiana a Trieste e la locanda era ben visitata. Poiché il fienile divenne presto troppo piccolo, nel 1816 ne fu costruito uno nuovo accanto alla casa lungo la strada per 50 coppie di cavalli e buoi. Il fienile è ancora in piedi oggi. Fu solo intorno al 1830 che la prima casa residenziale fu costruita accanto alla locanda, e poi nel 1838 altre cinque. Persone provenienti da luoghi lontani e circostanti chiamano questo piccolo insediamento dopo la locanda Stara šranga (La vecchia dogana). Intorno al 1898, fu costruita una linea locale della ferrovia Lubiana-Trieste meridionale che portava attraverso l’insediamento e arriva fino a Vrhnika. In quegli anni il numero di case nel villaggio aumentò drasticamente e la situazione materiale degli abitanti migliorò. A quel tempo il villaggio avrebbe dovuto chiamarsi Drenova Gorica, ma presto verrà ribattezzato Drenov Grič.

Lesno Brdo è diviso tra i comuni di Vrhnika (parte meridionale) e Horjul (parte settentrionale). Sopra la parte principale del paese ci sono tre cave, la più grande è ancora in funzione, due più piccole sono abbandonate. A causa delle peculiarità geologiche, la cava di Kucler è protetta come monumento naturale.

Interessante:

In cinque millenni, tutte le vie di terra e le vie d’acqua sul lago di accumulo attraversano l’area della comunità locale, solo la Ljubljanica navigabile è troppo lontana.


I preparativi per la costruzione del primo tratto autostradale in Slovenia sono in corso da cinque anni e il 29 dicembre 1972 il tratto autostradale lungo 32 km tra Vrhnika e Postojna è stato consegnato al traffico. Con questo progetto, la Slovenia o l’ex Jugoslavia si unisce a venti paesi europei già dotati di autostrade. Alla costruzione partecipano lavoratori di tutte le repubbliche jugoslave, soprattutto dalla Macedonia, dove erano spinti dal desiderio di guadagni più alti. Costruzione divisa in tre sottosezioni (Vrhnika-Logatec, Logatec-Unec e Unec-Postojna).

Nella sezione Vrhnika-Logatec, la parte iniziale nei pressi di Vrhnika causa problemi ai lavoratori a causa della base geologica sfavorevole. Come i costruttori della ferrovia meridionale, i costruttori della sezione autostradale hanno problemi con il terreno paludoso delle paludi di Lubiana. Con il processo di precarico provocano cedimenti forzati del terreno, prevenendo conseguenti deformazioni della strada. Sulla tratta sono in costruzione cinque cavalcavia, quattro sottopassi e il viadotto Verd (630 m). La maggior parte dei mal di testa e dei relativi ritardi fanno sì che gli appaltatori sfondino il ponte di Stampetta.

Interessante:

Tutti gli impianti sul terreno palustre sono costruiti su palafitte, che per la variabilità del terreno raggiungono tra i 15 ed i 40 metri di profondità


La costruzione della seconda strada imperiale viene intrapresa in modo più professionale, con la partecipazione di ingegneri civili, minatori, militari e ufficiali militari, muratori, falegnami, ecc. e non più per pressione. La strada è progettata in modo da non superare una pendenza del 4%, il che dovrebbe significare che le cinghie non erano più necessarie. I piani per la nuova strada furono preparati dal direttore dei lavori Jožef Šemerl nel 1793. La costruzione della strada iniziò a Planina nel 1803 e ci vollero tre anni per raggiungere Vrhnika di 24 km. Tra Vrhnika e Logatec corre in una direzione completamente nuova, la strada è di macadam, lastricata di cubi solo dopo la seconda guerra mondiale.

In queli’epoca a Vrhnika sono in funzione due caselli di pedaggio e gli operatori cercano di evitare di pagare i pedaggi svoltando dalla Strada Imperiale a Idrijska cesta e alle carreggiate circostanti, mentre i lavoratori stradali impediscono di eludere il pagamento scavando sentieri forestali e scavando fossati, erigendo muri lungo la strada. e con sanzioni elevate.

La nuova strada che porta da Vienna a Trieste è abbastanza ampia e pianeggiante da consentire il trasporto del carico con la stessa grande carrozza con diverse coppie di cavalli per tutto il tragitto, quindi la portata delle attività legate ai camion è notevolmente ridotta e i lavoratori del porto perdono il lavoro. Sulla Ljubljanica vengono caricati solo mattoni e legno.

Interessante:

Anche prima che la nuova strada fosse finalmente sistemata, i soldati di Napoleone scesero da Planina il 19 maggio 1809. Non lasciano una buona impressione dopo quattro anni, poiché rubano tutto ciò su cui possono mettere le mani.


Le strade romane tra Emona e Aquileia si stanno deteriorando in modo incontrollabile e il carico tra Vrhnika e Lubiana inizia a essere reindirizzato sulla Ljubljanica. A Vrhnika trasferiscono merci da navi o imbarcazioni a dorsali (e viceversa) e le caricano verso Trieste. Anche la macinazione è in forte espansione, poiché un carico di farina è più costoso di un carico di grano ed è più facile sopportare gli alti costi di carico su lunghe distanze.

Con lo sviluppo del trasporto merci su carri si stanno sviluppando anche altre attività, come il fabbro e la zootecnia, fabbricazione di ruote per carri e la selleria. Commercianti e locandieri servono affittando capannoni per la raccolta delle merci, fienili per il bestiame, fienili, alloggi per camion e cibo. L’attività della locanda è gestita principalmente da grandi agricoltori, oltre che dal pastore e dai dignitari del mercato, dal sindaco, dal postino e dal giudice. Le locande sono il centro degli eventi in ogni luogo, compresa Vrhnika, dove si scambiano notizie e storie, e spesso sono il luogo in cui vengono trasmesse le malattie.

La fabbricazione di carri diventa un’attività redditizia, ma i signori affrontano molti pericoli, il più grande dei quali sono i banditi, quindi si uniscono a carovane più grandi lungo la strada. Il tratto più pericoloso per Trieste è il passo tra Planina e Postojna, che ha mantenuto fino ad oggi il sinistro nome di Ravbarkomanda.

Interessante:

Nel 1719, l’imperatore Carlo VI. ordina la ristrutturazione di una vecchia strada stretta che dal porto di Breg attraversava Vas e Hrib. I lavori di ristrutturazione vengono intrapresi in modo molto poco professionale, quindi le nuove piste sono ripide del 20% e oltre. A causa dei pendii ripidi, si apre una nuova nicchia di mercato per gli abitanti di Vrhnika: foraggiamento (imbracatura e prestito di cavalli) in salita e planata (frenata) su discese ripide.


Le prove dimostrano che dopo l’ultima glaciazione, le paludi di Lubiana erano coperte dal lago. Questo si è ridotto nel corso dei millenni e nella metà del II millennio AC. n. no. rimane solo una vasta pianura paludosa, attraverso la quale la Ljubljanica si snoda pigramente.

Secondo la leggenda, la Ljubljanica era navigabile già nel II millennio AC, poiché si supponeva che gli Argonauti lo percorressero dal Mar Nero attraverso il Danubio, la Sava e la Ljubljanica fino a Vrhnika. Come fiume navigabile, acquistò importanza con l’arrivo dei romani a metà del I sec. AC, quando costruirono l’insediamento di Navport, destinato al trasbordo principalmente di attrezzature militari per le legioni romane, che penetravano verso il Danubio, dai carri alle navi fluviali. Lo testimoniano anche numerosi reperti. Già nel 1890 nei pressi di Črna vas fu scoperta una nave mercantile romana del I secolo AC e nel 2008 a Sinja gorica un’altra, la cui specialità è la tecnica di giunzione con giunti in ferro, anello mancante nella ricerca sulla tecnologia di costruzione delle navi di tipo mediterraneo e nello sviluppo della cantieristica in generale. Con il completamento della fase di occupazione della legione romana in Pannonia e la costruzione della strada Naupotus-Emona, l’importanza del corso d’acqua per l’esercito romano diminuì ma non si estinse.

Interessante:

Come afferma lo scrittore greco Strabone, era già alla metà del II secolo AC nell’area più ampia di Vrhnika c’era un insediamento chiamato Nauportus (Nauportus – navis, portus – port) in forma latina.